La libertà è un panino

Cos’è un panino se non un sinonimo di libertà? Ci avete mai pensato? Un panino è un cibo libero per sua natura. Che si mangi fuori casa all’aperto o tra le mura domestiche, che sia piccolo o grande, salato o dolce, il panino è un momento di libertà.  Il significato è quello di uscire dalle convenzioni, dalle buone regole che impongono di mangiare con coltello e forchetta.
Che siano due fette di pane rustico o un pane bianco e morbido  non importa: quel senso di libertà si avverte.  Non è nella sua forma, nel suo contenuto, nel pane che racchiude un gustoso ripieno, che aleggia questo senso di abbandono delle norme imposte, è nell’atto stesso di “mangiare un panino”.

Mangiare un panino è un attimo di pausa assolutamente personale, come bere un caffè. Si può anche mangiare di fretta o gustarlo con tutta la calma che il momento richiede ma, ripeto, quel senso di “uscita dagli schemi” è lì e si fa sentire.

foto e ricetta di R capanni

Ognuno ha il suo preferito. In Italia pane e prosciutto, un classico. Quello dolce e avvolgente come il nostro cuor di prosciutto o quello sapido come il pepatello da mangiarsi con il pane “sciocco”, ovvero senza sale, toscano. Poi ci sono i panini al salame, quelli con l’aggiunta di formaggio pecorino più o meno stagionato, quelli con le salse  dolci o piccanti ( come la nostra imbrogliona).
Poi c’è l’hamburger. Carne macinata adagiata su due fette di morbido pane con qualche goloso condimento. In aggiunta, la salsa preferita e, casomai, una foglietta di insalata per “non sentirsi in colpa” visto che la mamma ci ha insegnato che “le verdure fanno bene”!

Un panino si mangia da soli davanti alla nostra serie preferita oppure in compagnia, davanti ad un tramonto di mare o di montagna. Un panino espande l’aspirazione alla libertà innata nell’uomo e che la tavola apparecchiata, seppur piacevole, non ha.  A tavola ci sono regole da rispettare o almeno ci dovrebbero essere. Si conversa, si usano le posate e non ci si può alzare quando ci pare perché è scortese.  Con un panino in mano tutte le regole vanno a farsi benedire. Si può mangiare camminando, ci si può alzare o sederci dove ci pare, si può mangiare in auto, appoggiati all’auto, sulla sabbia, sulla neve e volendo anche al gabinetto. Il panino è libertà assoluta.

Carrello
Torna su