Pubblicato il

Pecorino: ecco la nostra TOP 5

Per tutti i gusti e per tutte le occasioni, da mangiarsi da soli o in abbinamento ad altri alimenti per preparare piatti e ricette super squisiti. Eccovi servita la selezione più esclusiva dei nostri pecorini: un’idea diversa per il tagliere degli antipasti o il buffet degli aperitivi.
E con il Natale ormai alle porte, perché non prenderne nota per un regalo speciale all’insegna del gusto e della qualità? Sul nostro negozio online è possibile ordinarli tutti, selezionare la tipologia di cesta o scatola dono, indicare l’indirizzo di consegna… e a tutto il resto pensiamo noi! Confezione a tema e biglietto d’auguri compresi!

Scoppolato di Pedona

La storia dello Scoppolato di Pedona si perde al confine tra la fantasia e la delizia. Leggenda infatti vuole che questo formaggio delizioso da tutti considerato il più buono prodotto in Versilia e che ha fatto la fortuna (turistica e gastronomica) di questa piccola frazione del Camaiorese, sia stato inventato intorno alla seconda metà dell’Ottocento da tal Tristano da Pedona. Tristano era un mezzadro della zona a cui era stato affidato da un ricco terriero un gregge di pecore per produrre latte. Ad un certo punto il ricco signore cominciò a lamentarsi perché la qualità del formaggio era sempre scadente. Tristano se ne scusava, togliendosi la coppola in segno di reverenza – da qui il nome “Scoppolato” – ma la sua era solo una recita, perché il signore, fattolo seguire, scoprì che il pastore aveva nascosto all’interno di una grotta segreta un’infinità di forme di formaggio buonissimo. Il signore gli ordinò allora che da quel momento in avanti avrebbe dato a lui il formaggio migliore, cosa che il mezzadro accettò, ma che non riuscì a fare a lungo perché venne colpito da un infarto di lì a poco.

Pecorino Stagionato nelle Noci

Una crosta sottile che racchiude al suo interno una pasta bianca, morbida e compatta, costellata di gherigli di noci: il nostro Pecorino Stagionato nelle Noci, è un formaggio unico, la cui struttura densa ma elastica al tempo stesso ci regala un sapore irripetibile che ben bilancia ed armonizza il gusto deciso e leggermente piccante della noce con la dolcezza del latte fresco di pecora con il quale viene realizzato.
Noi vi consigliamo di gustarlo in purezza, per un fine pasto all’insegna della ricercatezza, oppure tagliatelo a striscioline non troppo sottili ed aggiungetelo alle insalate: regalerà loro una marcia in più.
E per tutti quelli che amano la pasta fatta in casa, incorporatelo al ripieno di ravioli o fagottini, lascerete a bocca aperta anche i commensali più esigenti. E se cercate un buon vino con cui abbinarlo, vi consigliamo un Ciliegiolo dell’Umbria, un vino rosso rubino, molto intenso con spiccati sentori di ciliegia ed amarena sotto spirito che esaltano la dolcezza di questo formaggio.

Pecorino al Tartufo

Lo si potrebbe tranquillamente includere tra i “formaggi da meditazione”: il nostro Pecorino al Tartufo è infatti una vera e propria eccellenza casearia dal gusto unico, realizzato esclusivamente con latte di pecora fresco pastorizzato, caglio, fermenti lattici e sale di Volterra al cui impasto vengono aggiunti pezzetti di vero tartufo nero. Nessun additivo, nessun aroma artificiale: solo ingredienti naturali.
Può essere gustato in ogni momento della giornata, dall’antipasto al fine pasto, spuntino pomeridiano compreso, ma se veramente volete sorprendere i vostri ospiti e familiari, servitelo tra le portate dell’aperitivo, magari per accompagnare un calice di vino bianco fresco, uno fra tutti il Pinot Nero, una DOC dell’Oltrepò pavese dal colore giallo paglierino e dal profumo fresco e delicato con note fruttate di mela e pesca che ben si armonizzano con il sapore deciso del tartufo.

Pecorino Toscano DOP Stagionato

Se c’è un ambasciatore nel mondo della tradizione casearia della nostra regione, questo è il Pecorino Toscano DOP Stagionato: non è infatti un caso che si producesse sin dal tempo degli etruschi. È anche lui incluso tra i formaggi da meditazione per il suo sapore immediatamente riconoscibile, frutto di una lunga stagionatura – non meno di quattro mesi – che gli conferisce un’intensità di sapore e una complessità aromatica più strutturate, caratterizzate da note di frutta secca e fieno. È perfetto praticamente sempre: aperitivi, antipasti, fine pasto, spuntino e merende, in purezza o accompagnato da una composta di frutta o dal miele, uno su tutti quello di castagno. L’abbinamento di vino ideale? Quello con un altro grande ambasciatore della nostra regione, il Morellino di Scansano, DOCG dal colore rosso brillante e dal profumo fruttato di prugna e ciliegia.

Pecorino Sardo Fresco

Tutto il sapore della Sardegna, racchiuso all’interno di questo Pecorino Sardo Fresco, un formaggio prodotto seguendo antichi metodi artigianali e utilizzando esclusivamente latte fresco pastorizzato di pecore autoctone. Provatelo da solo o con l’aggiunta di Miele di Sulla e pane carasau, per un aperitivo isolano senza paragoni.
La storia di questo pecorino ha origini lontanissime nel tempo che vanno indietro sino all’età del bronzo, quando l’isola era abitata dalle popolazioni nuragiche, i cui resti archeologici si possono ancora oggi ammirare soprattutto nell’area di Barumini. Le popolazioni nuragiche facevano dipendere la loro sopravvivenza proprio dall’allevamento di pecore e dalla conseguente lavorazione del latte.