Pubblicato il

Ciambella napoletana

La ciambella napoletana  o tortano è un piatto spesso viene scambiata per il casatiello primaverile perché di solito si fa a Pasqua. Nel casatiello, nome che gli deriva da caso cioè cacio,  ci sono anche le uova e porta con se una simbologia legata alla  festività cristiana. Una ricetta presente già nel 1600 come dimostra la della favola La gatta Cenerentola di Giambattista Basile, che la ricorda.  La ciambella napoletana è parente stretta del casatiello,  perfetta anche in estate perché è buona anche fredda! È Un trionfo di sapori, ricca, gustosa e sostanziosa che non delude mai.
Bella a vedersi suggerisco di servire in estate questa preparazione rovesciata e riempire il centro con fresca insalata e pomodori.

Prodotti usati in questa ricetta

Ciambella napoletana

la ciambella napoletana è un gustoso classico adatto anche al periodo estivo. Provare per credere.
Preparazione 4 h 15 min
Cottura 45 min
Tempo totale 7 h
Portata antipasto
Cucina Italiana
Porzioni 8 persone

Equipment

  • forno
  • stampo da ciambella da 22 centimetri di diametro

Ingredienti
  

  • 350 grammi farina di fremento tipo 0
  • 200 grammi acqua
  • 75 grammi strutto morbido
  • 40 grammi crema di lardo affumicato Gombitelli
  • 15 grammi lievito di birra fresco
  • 180 grammi pancetta Gonmbitelli
  • 180 grammi di Mortadella di Gombitelli (salame tipico)
  • 100 grammi prosciutto cotto
  • 150 grammi salame stagionato Gombitelli
  • 100 grammi provolone a cubetti
  • qb sale e pepe

Istruzioni
 

  • Sciogliere bene il lievito di birra con un poco d’acqua aggiungere alla farina e a tutta l’acqua. Aggiungete lo strutto,  il sale
  • Impastate ma non a lungo deve venire un impasto omogeneo
  • Mettete la pasta in una ciotola e coprite mettendola al riparo e al caldo (max 28°) fatela lievitare per circa due ore
  • Intanto tagliate a dadini i salumi e il formaggio
  • Quando la pasta ha fatto il suo raddoppio, stendetelaformando un rettangolo di circa 40 centimetri
  • Qui abbiamo fatto una variante che è risultata golosa: abbiamo spalmato del lardo Affumicato Gombitelli sul rettangolo di pasta al posto dello strutto
  • Adagiare i dadini di salumi e formaggio sul triangolo di pasta poi salare e pepare
  • Chiudere in un rotolo e adagiare con cura nello stampo antiaderente. Decorate con della pasta a piacere
  • Spennellate nuovamente con strutto e lasciate riposare coperto per altre due ore deve raddoppiare il volume
  • Trascorso il tempo mettete in forno caldo a 190 gradi percirca 45 minuti
Keyword ciambella napoletana
Tried this recipe?Let us know how it was!
Pubblicato il

Carpaccio di manzo di pozza con mele e aceto balsamico

Il carpaccio è un piatto estivo perfetto. Leggero, gustoso e, se ci si fa aiutare dalla fantasia, ingrediente perfetto per piatti diversi dal solito. Il carpaccio di manzo di pozza se ottimo con il classico parmigiano e rucola diventa intrigante con abbinamenti anche insoliti. Un modo per rendere le vostre le cene estive  un momento da gourmet.

Il salumificio Gombitelli ha inserito tra i suoi prodotti  della carne di manzo perché il piccolo paese di Gombitelli nei secoli è stato un luogo dove sono nate lavorazioni particolari. Una storia italiana, fatta di paesi di montagna che fino agli anni del boom economico non avevano molti contatti con il resto della civiltà. Le strade non erano facilmente praticabili e alcuni “segreti” e lavorazioni dei prodotti più tipici restavano all’interno dei confini paesani.


Se a Gombitelli, paese di montagna, la carne di maiale non mancava, quella di manzo era quasi introvabile per la carenza di pascoli. Quello che arrivava andava quindi conservato. Il “manzo di Pozza” era un trancio “prezioso” da preservare con cura attraverso un’accurata salatura che avveniva in speciali “pozze di salatura” dove era prevista una lunga salamoia. Lo stesso antico metodo è stato ripreso dal salumificio Gombitelli. nasce così il carpaccio di manzo di Pozza.

Vino consigliato per il carpaccio di manzo di pozza con mele ed aceto balsamico: un bianco d’autore come i Sauvignon 2017 di Cantarutti Alfieri del Friuli venezia Giulia dal colore  giallo paglierino intenso,  note fresche quasi balsamiche, sentori di erbe come menta, salvia   e il peperone giallo. Vino di grande struttura dall’ estrema complessità e dall’acidità equilibrata

Prodotti usati in questa ricetta

carpaccio di manzo di pozza

carpaccio , la carne tagliata finemente adatta all'estate
Preparazione 15 min
Tempo totale 15 min
Portata antipasto freddo, secondo piatto
Cucina Italiana
Porzioni 4 persone

Equipment

  • affettatrice elettrica

Ingredienti
  

  • 3 o 4 fette di manzo di pozza Gombitelli
  • 2 mele succose
  • qb aceto balsamico
  • qb olio extra vergine di oliva
  • qb semi di sesamo
  • 1 cucchiaino prezzemolo fresco

Istruzioni
 

  • Tagliare il manzo di pozza con l’affettatrice in modo da fare delle fette molto fini
  • Sempre con l’affettatrice tagliare fette di mela
  • Mettete in un piatto una fetta di manzo di pozza e due dimela, soprapponendole
  • Condire con olio extra vergine di oliva e aceto balsamico
  • Tritatedel prezzemolo e mettete dei semi di sesamo
  • Aspettareun paio d’ore prima di servire
Keyword carpaccio
Tried this recipe?Let us know how it was!

Pubblicato il

Come fare l’hamburger perfetto

È il più conosciuto del fast food e sembra semplice da preparare. In realtà come tutte le cose semplici possono riuscire bene e buone o speciali! Ecco allora alcune regole  per fare del vostro hamburger il panino perfetto che tutti vi invidieranno.

La carne deve essere della migliore. La carne dovrebbe essere tagliata a coltello e non macinata ma tritata. Potete farlo fare in macelleria dopo aver scelto il giusto pezzo che può essere un mix di controfiletto, collo e fiocco.
La carne magra va bene ma una certa percentuale di grasso (30%) è necessaria per non ritrovarsi con un hamburger troppo compatto e rigido. Io consiglio di fare da soli il proprio hamburger. A mano formando una palla che poi schiaccerete delicatamente o con  nell’apposito stampo ma senza mai pressare troppo.  Se non vi fidate di voi stessi fate fare al negoziante basta che lo spessore non sia meno di 2 centimetri.

La cottura deve essere fatta sulla piastra o sulla griglia. A me non piace cuocere gli hamburger in padella ma la cosa importante è cuocerli per il tempo giusto. “ Pochi minuti per parte secondo l’altezza e il gusto , girandoli con la paletta senza mai, e ripeto mai, schiacciarli.

La cosa principale è utilizzare carne di primissima qualità. Quelli fotografati erano morbidi e succosi, talmente perfetti che anche quando si sono raffreddati (la prova del nove) sono rimasti teneri e gustosi. Per questo devo ringraziare la mia rivendita di fiducia. Servire sempre gli hamburger con salse e provarli con la pancetta croccante!

Prodotti usati in questa ricetta

Hamburger

come fare l'hamburger perfetto cottura
Preparazione 2 d 22 min
Cottura 8 min
Tempo totale 30 min
Portata secondo piatto
Cucina internazionale
Porzioni 4

Ingredienti
  

  • 1 hamburger grande per persona
  • 1 rametto di rosmarino fresco
  • qb sale alle erbe
  • qb pepe nero in polvere e in grani
  • qb oilo extra vergine di oliva

Istruzioni
 

  • Cucinare gli hamburger preferibilmente il giorno stesso incui si sono acquistati
  • Se si preferisce creali da soli acquistare almeno 200 grammi di carne macinata per persona.
  • Salateli e pepateli  e metteteli per circa 20 minuti in frigorifero affinché si insaporiscano.
  • Intanto fate scaldare bene la piastra o preparate la griglia
  • Tirarefuori gli hamburger attendere 5 minuti per farli acclima tare e metterli delicatamente sulla piastra
  • Cuocerlipochi minuti per parte senza mai schiacciarli. Il tempo di cottura dipende dall’altezza,  dalla misura e dal gusto. Gli hamburger si possono fare come la carne alla griglia poco cotti, a cottura media o molto cotti anche se in questa ultima versione, se la carne non è diqualità altissima, tendono ad asciugarsi e diventare un po’ stopposi
  • Appena cotti io amo passare sopra l’olio extra vergine di oliva utilizzando un rametto di profumato rosmarino
  • Servirecon senape, salsa verde, salse piccanti, maionese o qualsiasi altra salsa di vostro gusto
Keyword barbecue
Tried this recipe?Let us know how it was!
Pubblicato il

La tavola calda siciliana

Ecco un impasto morbido che non delude mai. L’impasto per la tavola calda siciliana si presta alla preparazione di piccole delizie adatte ai buffet. Le ricette da poter preparare con questo impasto sono davvero tante. La tipica tavola calda siciliana prevede rollè al wurstel, pizzette, focaccine, panzerottini, bombe, rotoli farciti e molto altro.

Adatta per una colazione è un impasto adatto per feste di compleanno, antipasti stuzzicanti. Ideale per salati ma anche per dolci perché il gusto dolce/salato si presta ad accompagnare vari ripieni. I ripieni sono tra i più golosi: prosciutto cotto, salame, mozzarella, caciotta, pomodoro, wurstel e ogni altra cosa vi possa piacere.

Prodotti usati in questa ricetta

Tavola calda siciliana

un impasto mordido adatto alla creazione di pizzette, torciglioni, panzerotti e molto altro
Preparazione 2 h 15 min
Cottura 15 min
Tempo totale 2 h 30 min
Portata Aperitivo
Cucina Italiana

Ingredienti
  

  • 250 grammi farina 00 biologica
  • 250 grammi semola rimacinata cioè fine
  • 250 ml acqua temperatura ambiente
  • 70 grammi di burro o strutto
  • 40 grammi zucchero semolato
  • 15 grammi sale fino
  • 12 grammi lievito di birra fresco
  • 1 cucchiaino miele

Istruzioni
 

  • In una ciotola mettere la farina setacciata e  l’acqua.
  • Farsciogliere il lievito in poca acqua leggermente tiepida quasi a temperaturaambiente e mettere nell’impasto
  • Aggiungere il burro buso a bagnomaria
  • Aggiungere lo zucchero e il sale
  • Lavorare l’impasto per poco tempo su una spianatoia infarinata con la semola, farne unapalla  e metterla nella ciotola alievitare coperta con la pellicola e sopra un telo. La ciotola non deve starein un ambiente freddo
  • Dopo circa 2 ore l’impasto dovrebbe aver raddoppiato il suo volume
  • Aquesto punto fare le forme di pizzette, panzerotti, panini, rollè e qualunqueforma vi possa piacere
  • La cosa importante è riempire le forme con cose con salumi,formaggio, pomodoro, mozzarella, prosciutto cotto, salame, wurstel
  • Aspettate altri 15 minuti una volta che le forme sono pronte
  • Prima di mettere in forno spennellare un uovo sbattuto conl’aggiunta di un goccio di latte
  • Cuocerein forno caldo a circa 180 gradi per 20 minuti controllando perché devonorimare morbidi e non seccare
Keyword rosticceria siciliana
Tried this recipe?Let us know how it was!
Pubblicato il

Crostini veloci e gustosi con pane toscano

Il pane toscano senza sale fatto con farina di tipo 0 e che trovate QUI, si presta a fare degli ottimi crostini rustici molto veloci che accontentano sempre tutti.

Il pane toscano permette di abbondare con il condimento perché regala profumi ma non sapidità. I salumi toscani sono ovviamente gli abbinamenti più adatti ma anche le salse come quelle pronte ma lavorate in maniera artigianale e con ingredienti di prima qualità, faranno in tavola la felicità di molti palati.

Crostini Toscani

Basta tagliare il pane e spalmare il crostino toscano Gombitelli. Una variante può essere quella di imburrare leggermente il pane e scaldarlo brevemente sulla griglia elettrica. Il crostino toscano è un paté di fegatini di pollo, capperi e altri ingredienti secondo una ricetta classica più arricchita dalla presenza di cetriolini.

Crostini di lardo e salvia

Tagliate il pane e dividete le fette in due parti. Grigliate il pane e una foglia di salvia per ogni crostino e mentre è ancor caldo adagiare sopra una fetta di lardo rosa Gombitelli. Il lardo, se il pane è caldo, si scioglie creando con la salvia fresca un mix perfetto. Da Abbinare ad un buon vino rosso toscano come un sangiovese in purezza.

Bruschetta piccante

La bruschetta è una ricetta intramontabile. Da colore e sapore alla tavola. Perfetta per intrattenere i commensali in attesa della cena. Tagliare il pane a fette, grigliare il pane, mettere sopra la bruschetta piccante Gombitelli.

Crostino di crema di lardo e agrumi

Ecco un crostino diverso, semplice ma che vi fara ricordare! Quello che può sembrare uno strano abbinamento in realtà rende il lardo affumicato gradito al palato di tutti, anche di coloro che non amano l’affumicatura ( forse perchè non conoscono quella naturale praticata dal salumificio Gombitelli!).
Tagliare il pane a fette. Dividetele in due e mettetele a tostare leggermente. Tagliate una fetta di lardo steso Gombitelli, aggiungete qualche foglia di rosmarino e mezza fetta sottilissima di limone.

Crostini di salame

Un classico “mezzo panino”. Tagliare il pane toscano e dividere in due le fette. Tagliare del salame toscano stagionato Gombitelli a fette fini, mettere una fetta di salame, aggiungere una fetta di pecorino toscano tagliata fine, chiudere con un’altra fetta di salame, chiudete con un oliva fermata con uno stecchino. Un bicchiere di vino rosso toscano come il maremma Toscana DOC della Fattoria dei Barbi 50% di Sangiovese completato da percentuali minori di Merlot, Alicante, Cabernet Sauvignon e Petit Verdot. Un vino mediterraneo, caldo, morbido, molto profumato e godibilissimo!

Ricette e foto di Roberta Capanni

Prodotti usati in questa ricetta

Pubblicato il

Rotolini estivi di Coppa Stagionata

D’estate siamo sempre alla ricerca di ricette da portare in tavola che siano fresche ma gustose. Piatti leggeri ma invitanti adatti alle cene con gli amici, sia in piedi che riuniti intorno ad una tavola imbandita e colorata. Come sempre la qualità fa la differenza e anche la ricetta più semplice può diventare qualcosa da ricordare se usiamo i prodotti giusti.

I rotolini estivi di coppa stagionata si basano sulla corretta stagionatura della coppa. Un prodotto artigianale è da preferire perché nella sua preparazione vengono utilizzate le parti più magre del muscolo, ovvero il famoso capo-collo. Inoltre la speziatura e la giusta stagionatura regalano un salume ben bilanciato nel sapore che ben si presta a questa ricetta.

La coppa poi  è un salume tipico della produzione italiana e ora più che mai la ricerca di un prodotto italiano è una scelta intelligente e consapevole.  Anche se presente in tutta la penisola, la coppa assume delle varianti secondo la regione, cambiando forma e speziatura e tempo di stagionatura.

La coppa stagionata del salumificio Gombitelli, dalla tipica forma cilindrica usata nel centro nord, viene trattata come “si faceva una volta”, e questo le conferisce un aroma particolare adattissimo alla nostra ricetta.

Alcuni prodotti abbinabili a questa ricetta

Con questo piatto fresco e delicatamente saporito il consiglio è di abbinare un vino “intelligente” come il bianco naturale della Fattoria La Maliosa bianco carbon footprint con sentori di frutta bianca matura, con note di spezie delicate come lo zafferano. Le note calde dell’estate gli appartengono unite a quelle sapide e complesse ne fanno l’abbinamento ideale per questo piatto.

Rotolini estivi di Coppa Stagionata

Una ricetta fresca e facile per l'estate
Preparazione 20 min
Cottura 0 min
0 min
Tempo totale 20 min
Portata appetizer
Cucina Italiana
Porzioni 4 persone

Ingredienti
  

  • 160 grammi robiola
  • 16 fette coppa stagionata Gombitelli
  • 1 limone biologico comunque non trattato (ottimi quelli di Sorrento)
  • 500 grammi Insalata valeriana (o altra a piacimento, ma a fogliapiccola)
  • 6 foglie di basilico fresco
  • qb sale
  • qb pepe bianco macinato fresco
  • 2 cucchiai olio extra vergine d'oliva
  • 16 fili erba cipollina

Istruzioni
 

  • Prendeteuna ciotola e mettete la robiola
  • Lavateun limone dalla buccia edibile meglio se di Sorrento perché molto profumato e grattugiate la parte gialla (non quella bianca perché è amara)
  • Unitesubito la scorza grattugiata alla robiola, aggiungete un po’ di sale fino egrattugiate un po’ di pepe bianco.
  • Tritate a coltello qualche foglia di basilico unitela agli altri ingredienti  e con una forchetta mescolate bene.
  • Prendetele fette di coppa stagionata e al centro adagiate con un cucchiaino un po’ di  ripieno di robiola
  • Arrotolatele fette di coppa stagionata e chiudete al centro delicatamente con un filo dierba cipollina
  • Lavate dell’insalata a foglia piccola, scolatela molto bene, asciugatela e conditela con un po’ di sale, un filo di olio extra vergine di oliva
  • Potrete servire il piatto a porzione oppure sistemando i rotolini in un grande piatto
  • Se decidete di servire ad ogni commensale la sua “dose” di rotolini prendete una ciotolina e sistemate un po’ di insalata già condita e sopra adagiate i rotolini di coppa stagionata
  • Se invece scegliete di fare un grande piatto unico da cui servirsi mettete la valeriana ben disposta nel piatto e sopra i rotolini e guarnite con qualche fettina di limone
Tried this recipe?Let us know how it was!